I miei consigli per un Buon Sonno

Che cosa significa riposare bene? Ti rispetti veramente per donarti un sonno ristoratore? Spesso abitudini errate influenzano negativamente la qualità del sonno e questo con l’andare dei giorni, anzi delle notti, si ripercuote su tutto il nostro equilibrio psico-fisico. Ti senti più irritabile, meno tollerante, tutto ti dà fastidio. Anche il bisogno di cibo inizia a sballare i suoi ritmi e arriva la deleteria fame nervosa.

L’igiene del sonno, cioè il rispetto di alcune semplici regole di buon comportamento, favorisce il riposo notturno e diventa importantissimo per il nostro stato di benessere.
Avere un buon sonno significa andare a letto in un certo orario e in certe condizioni, addormentarsi facilmente, avere un sonno continuativo da sera a mattina e svegliarsi sentendosi riposati.

Diversi sono gli aspetti e le condizioni da considerare. Ecco le mie dritte:

1) La Camera da Letto
Considera questa stanza della casa come se fosse uno spazio sacro, dal momento che è qui che trascorri tutto il tempo inconscio dedicato al sonno. E’ dove abbandoni il mondo conscio per sprofondare in un’altra dimensione, lasciandoti andare. Qui è dove riposi, protetto dal mondo. Quindi fa che questo posto sia sacro e speciale.
camera-da-letto-feng-shui

Come insegna il Feng Shui l’energia dei luoghi in cui viviamo è molto importante. Il letto nel posto giusto: oltre a direzionare la testiera a nord (come ormai sanno tutti ma in alcune condizioni non è indispensabile), per garantire un sonno davvero ristoratore, il letto dovrebbe essere collocato con la testiera contro una parete e non al centro della camera o distaccata dal muro da altri mobili. La posizione free standing mette il corpo in uno stato di allarme dovuto alla sensazione di scarsa sicurezza. Immagina un cane che entra nella cuccia: fa il giro e poi si mette di faccia all’ingresso. Non tanto per guardare fuori ma soprattutto perché sa che dagli altri tre lati è protetto. Attenzione ai colori: la scelta dei colori di tessuti, mobili e pareti si ripercuote sulla qualità del sonno. Utilizzare preferibilmente colori riposanti come verde o rosa. Anche il blu o l’azzurro vanno bene ma usarli con attenzione visto che, pur essendo riposanti, possono indurre depressione, apatia o comunque rendere la camera troppo yin e fredda. Eliminare tutti gli stimoli: rumori e luce, ma anche odori intensi e sgradevoli (arieggiamo la stanza prima di coricarci). Il cervello percepisce i rumori ambientali anche durante il sonno profondo; anche un volume basso spesso basta a predisporre il fisico a uno stato di sonno non ottimale, che può ritrasformarsi in veglia in tempi relativamente rapidi. La temperatura ideale della stanza per favorire il rilassamento muscolare e il rallentamento di alcune funzioni vegetative, come il battito cardiaco e la respirazione, dovrebbe essere compresa tra i 16 e i 18 gradi; al contrario temperature troppo calde possono causare secchezza delle fauci e difficoltà respiratorie. Via dalla camera da letto tutte le distrazioni al sonno: bandisci ogni oggetto superfluo dalla camera da letto come ad esempio asse da stiro, stenditoi, attrezzi ginnici, cyclette, scrivania e altri arredi/strumenti da lavoro o per altri scopi. Crea un ambiente sobrio e tranquillo, circondati solo di cose che ami, che ti fanno sentire coccolata e che favoriscano la quiete. Non tenere cianfrusaglie sotto, sopra o di fianco al letto. Tieni sempre i letti puliti e sgombri. Tieni la camera da letto libera dal disordine per un sonno sereno e riposante.

2) L’alimentazione
Cosa mangiamo e l’orario dell’ultimo pasto hanno un suo peso sulla qualità del sonno.
Una pancia troppo piena è nemica del sonno. Più una pietanza è pesante da digerire, più tempo bisogna attendere prima di coricarsi, ma diciamo che in genere sono almeno un paio di ore dal pasto. Gli alimenti che è meglio evitare a cena sono: carboidrati, insaccati, formaggi e dolci oltre a fritti, bevande gasate, alcolici e ovviamente sostanze eccitanti come caffè, tè e cioccolato. Escludere gli spuntini dopo cena da sgranocchiare sul divano!!! Sono i più deleteri in assoluto e non solo per il sonno.

3) La preparazione al riposo notturno
Mantieni quanto più possibile orari regolari per coricarti e alzarti. Questo favorisce un regolare ritmo sonno/veglia perché abituiamo il nostro organismo alla giusta alternanza. Anche durante il weekend meglio evitare di alzarci troppo tardi al mattino anche se facciamo “le ore piccole”: questo ci consente di non affaticare il risveglio del lunedì mattina e di non iniziare la settimana di malumore! Esiste un orario ideale per andare a letto? Sì esiste! Come suggerisce la Medicina Tradizionale Cinese, sarebbe opportuno coricarci entro le 22/22,30 al massimo in modo da entrare nel sonno profondo già dalle 23/23,30 e consentire di ricaricare l’energia del Rene, dove è conservata la nostra energia vitale, e aiutare successivamente il Fegato ad attivare l’azione di “pulizia notturna” che effettua su tutti i cataboliti prodotti durante la giornata, tra molecole alimentari e molecole emozionali. leggere-a-lettoEvitare la luce blu. Chi di sera si intrattiene per ore davanti al televisore, tablet o smartphone non deve sorprendersi se poi il sonno tarda ad arrivare: la luce blu, emessa dagli schermi contrasterebbe la produzione di melatonina, traducendosi in disturbi del sonno e riposo agitato. No alla TV in camera. Smettere di consultare il telefono cellulare almeno un ora prima di coricarsi. Sono fonti che producono inquinamento elettromagnetico e sollecitano l’attività delle onde cerebrali della veglia. Tra le regole della buona igiene del sonno rientra anche di evitare la pratica di sport nelle ore serali. Praticando sport in orario serale, l’adrenalina scorre a fiumi: è dunque opportuno cessare tale attività almeno 2-3 ore prima di coricarsi. Favoriamo invece attività rilassanti come la lettura di un libro o l’ascolto di buona musica. Altrettanto sconsigliata è una doccia serale fredda, che stimola la circolazione, contrariamente a una doccia o a un bagno caldi che, riscaldando le estremità, favoriscono l’addormentamento. Anche un pediluvio caldo è un ottima pratica: porta l’energia verso il basso ed è molto rilassante. Non fare pisolini diurni o comunque non di durata superiore a 10 minuti, magari puntando una sveglia. Attenzione a non appisolarci dopo cena sul divano davanti alla televisione. Spesso poi quando ci si alza per andare a letto fatichiamo a prendere sonno e entrano in campo nervosismo, preoccupazioni, ansie. Una tisana a base di erbe officinali, come passiflora, biancospino, tiglio, valeriana o melissa, può calmare i nervi. Tisane calde e rilassanti, prese un paio di ore prima, favoriscono la digestione, il rilassamento del sistema nervoso centrale e ci accompagnano verso il sonno.

4) L’Aromaterapia oli-essenziali
Gli oli essenziali sono un efficace rimedio quando si vuole migliorare l’energia di uno spazio. Possono essere usati sia per purificare l’ambiente dall’energia negativa che per immettere nuovo Qi positivo. Molti oli essenziali sono di grande aiuto per salutare il giorno e lasciarci andare nelle braccia di morfeo. Ecco alcuni di questi:

ARANCIO e MANDARINO > calmano l’ansia e rilassano. Sono adatti a tutte le età in caso di insonnia, tensione ed eccitabilità.

LAVANDA > è l’armonia assoluta e lavora su tutti i nostri sistemi di regolazione. E’ calmante, rilassante, distensiva. In diffusione o un paio di gocce sul cuscino sono l’ideale.

GERANIO > calma l’agitazione, l’ansia, l’irrequietezza.

YLANG YLANG > calma la rabbia, la rabbia repressa, le frustrazioni e mette in contatto con il proprio cuore. Scioglie le tensioni muscolari da stress

LEGNO DI CEDRO > trasmette pace calma e saggezza, riequilibrando aggressività, collera e timore. Favorisce il rilassamento, il radicamento e la fiducia in se stessi. Sostiene nelle fasi di transizione e cambiamento.

serenity_1400x

Personalmente io utilizzo una miscela DoTerra che già il suo nome, SERENITY, invita alla tranquillità. Contiene Lavanda, Maggiorana, Camomilla romana, Ylang Ylang, legno di Sandalo Hawaiano e assoluto del
baccello di Vaniglia. E’ una miscela ideata proprio per ridurre le tensioni ed avere un effetto calmante e rasserenante sulle emozioni, donando una piacevole sensazione di pace. Serenity è la miscela perfetta da diffondere al momento di coricarsi per favorire un sonno riposante, per aiutare un bambino irrequieto a dormire sereno o per aiutarci a placare sensazioni di ansia e stress. Il suo aroma dolce e caldo permette di rilassarci e di staccare la spina, diffuso in camera da letto crea l’atmosfera ideale per un sonno ristoratore. Contattami per chiedermi come averlo.

Voglio concludere con un concetto molto importante. Siamo tutti diversi: ci sono diversi disturbi del sonno, da chi fa fatica ad addormentarsi, a chi ha un sonno agitato, a chi dopo il risveglio notturno non riesce più a chiudere occhio, a chi si sveglia molto prima del dovuto. Inoltre costituzione, condizioni e stile di vita individuale possono richiedere indicazioni, trattamenti e rimedi specifici. Non tutto va bene per tutti.

Valorizza la tua diversità e prenditi cura di ogni sua parte. E qui entra in gioco l’importanza di una consulenza individuale, on line o di persona, in cui posso intervenire anche con dei trattamenti di Auricologia o di Riflessologia Plantare.

Chiamami e troveremo insieme la miglior soluzione per te.

Serena Notte Salugea – Integratore per Dormire Bene, favorisce il Rilassamento e il Sonno Profondo – 60 Capsule Vegetali, in Vetro Scuro

Melatonina Zinco - Selenio

Dormire Bene. Buona Notte!!! CD

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...